Un giorno Gesù disse: “Io sono la luce del mondo”
Tutti cercano la luce:
la persona umana ha sete di luce.
Noi siamo chiamati ad essere luce.
Raccogliamo la luce di natale sgorgata dalle Liturgie di questi giorni per conservarla nel nostro cuore ed irradiarla 
Il popolo che camminava nelle tenebre
ha visto una grande luce;
su coloro che abitavano in terra tenebrosa
una luce rifulse.
(Così il profeta Isaia)

Mentre si trovavano in quel luogo, si compirono per lei i giorni del parto. Diede alla luce il suo figlio primogenito, lo avvolse in fasce e lo pose in una mangiatoia, perché per loro non c’era posto nell’alloggio. C’erano in quella regione alcuni pastori che, pernottando all’aperto, vegliavano tutta la notte facendo la guardia al loro gregge. Un angelo del Signore si presentò a loro e la gloria del Signore li avvolse di luce.
(Dal Vangelo di Luca, cap. 2)

 

Un crescendo di luce

Oggi su di noi splenderà la luce,
perché è nato per noi il Signore;

(Dall’antifona della Messa dell’Aurora)

Lo splendore della Luce

In principio era il Verbo,
e il Verbo era presso Dio
e il Verbo era Dio.
Egli era, in principio, presso Dio:
tutto è stato fatto per mezzo di lui
e senza di lui nulla è stato fatto di ciò che esiste.
In lui era la vita
e la vita era la luce degli uomini;
la luce splende nelle tenebre
e le tenebre non l’hanno vinta.
Veniva nel mondo la luce vera,
quella che illumina ogni uomo.
Era nel mondo
e il mondo è stato fatto per mezzo di lui;
eppure il mondo non lo ha riconosciuto.
Venne fra i suoi,
e i suoi non lo hanno accolto.
A quanti però lo hanno accolto
ha dato potere di diventare figli di Dio:

(Alcuni tratti del prologo di Giovanni)