iscrizione newsletter

weblink

Briciole di luce 04/2024

                                                            È il Signore! 
                                                                                   (cfr. Giovanni 21,1-14)

Scarica il pdf
Guarda il video 

Quando Gesù si era presentato ai discepoli, nascosti a porte chiuse per la paura, aveva donato loro lo Spirito inviandoli a manifestare l’amore di Dio per l’umanità.

Egli  chiede ai discepoli di essere il prolungamento dell’amore fedele di Dio per tutti gli uomini (cfr. Gv. 20,22-23). Ma i discepoli hanno paura. Se ne tornano in Galilea alle loro occupazioni. Simon Pietro dice: “Io vado a pescare”. E gli altri: “Veniamo anche noi con te”. Allora uscirono e salirono sulla barca; ma quella notte non presero nulla.

Tuttavia Gesù non li abbandona. All’alba si presenta ai discepoli sulla riva accanto a un fuoco di brace, con parole cariche d’affetto: “Figlioli, non avete nulla da mangiare? No, rispondono. Allora dice loro: “Gettate la rete dalla parte destra della barca e troverete”. La gettarono e non riuscivano più a tirarla su per la grande quantità di pesci. Il discepolo che Gesù amava lo riconosce ed esclama: “E il Signore!”. Secondo il noto biblista Fernando Armellini si può ritenere comunemente che "il discepolo che Gesù amava" sia ciascuno di noi, discepoli di Gesù. Ogni volta che troviamo questa espressione nei Vangeli possiamo mettere il nostro nome.

Pietro, appena udì che era il Signore si cinse la veste attorno ai fianchi perché era nudo, e si gettò in mare. Ci saremmo aspettati il contrario, che si togliesse la veste per nuotare. Ma l’evangelista, dicendo che si cinge la veste, richiama a quando Gesù nell’ultima cena si cinse i fianchi con il grembiule, l’asciugatoio per lavare i piedi ai discepoli, ma Pietro rifiutò. Allora qui Pietro comincia a capire. Lui è nudo perché gli manca il distintivo dell’amore, il distintivo del servizio, cioè il grembiule. E qui comincia la conversione di Pietro che seguirà in tutto il brano.

(liberamente tratto da un commento di Alberto Maggi).


Charles de Foucauld

Se la vita contemplativa fosse solo possibile dietro le mura di un convento o nel silenzio del deserto, dovremmo, per essere giusti, dare un piccolo convento ad ogni madre di famiglia e il lusso di un po' di deserto ad un povero manovale che è obbligato a vivere nel chiasso di una città per guadagnarsi duramente il pane".
(Charles de Foucauld)