home layout

Il pensiero di annunciare Cristo deve diventare un canto nell'anima ...
(P. Giuseppe Maria)

Come annunciarlo?

iscrizione newsletter

weblink

Siamo abitati dalla TrinitàTrinita

San Paolo, sotto l'ispirazione di Dio, scrive:

Non sapete che siete tempio di Dio
e che lo Spirito di Dio abita in voi?
(1 lettera ai Corinzi 3, 16).

E anche il Vangelo ce lo ricorda!

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:
«Se uno mi ama, osserverà la mia parola
e il Padre mio lo amerà e noi verremo a lui
e prenderemo dimora presso di lui.
(Giovanni 14, 23).


Come si può facilmente notare, in questi due passi ispirati, incontriamo i "Tre" della santissima Trinità, un solo Dio: il Padre, il Figlio e lo Spirito Santo.

I teologi cercano di "balbettare" qualcosa sulla Trinità:  

In genere i nostri modi di vedere il mondo sono profondamente dualistici: giorno/notte, buono/cattivo, bianco/nero, maschio/femmina, corpo/anima. Spesso questi dualismi sono il segnale delle opposizioni che conferiscono identità: noi/loro, giusto/sbagliato, repubblicano/democratico, sinistra/destra, gesuita/domenicano! La nostra politica, i nostri sport, le nostre questioni e rivalità d’amore: tutto di solito è dualistico. Ma ritrovare noi stessi in un amore trinitario significa essere liberati da queste opposizioni binarie. Ritroviamo noi stessi dentro all’amore del Padre per il Figlio e del Figlio per il Padre che è lo Spirito santo. Questo è un amore che è assolutamente reciproco, ma fecondo al di là di se stesso. Quindi essere coinvolti all’interno della vita trinitaria ci conduce al di là delle anguste e limitate infatuazioni, degli antagonismi in cui sono confinati gli esseri umani. Siamo condotti dentro uno spazio che è sempre più grande.
(Da Timothy Radcliffe, “Essere cristiani nel XXI secolo. Una spiritualità per il nostro tempo”, Queriniana, 2010). 

Anche i santi "balbettano" al ritorno dalla loro esperienza di Dio ...