home layout

Il pensiero di annunciare Cristo deve diventare un canto nell'anima ...
(P. Giuseppe Maria)

Come annunciarlo?

iscrizione newsletter

weblink

Un commento al Vangelo della prima domenica per vivere intensamente questo Avvento 

«25Vi saranno segni nel sole, nella luna e nelle stelle, e sulla terra angoscia di popoli in ansia per il fragore del mare e dei flutti, 26mentre gli uomini moriranno per la paura e per l'attesa di ciò che dovrà accadere sulla terra. Le potenze dei cieli infatti saranno sconvolte. 27Allora vedranno il Figlio dell'uomo venire su una nube con grande potenza e gloria. 28Quando cominceranno ad accadere queste cose, risollevatevi e alzate il capo, perché la vostra liberazione è vicina. 34State attenti a voi stessi, che i vostri cuori non si appesantiscano in dissipazioni, ubriachezze e affanni della vita e che quel giorno non vi piombi addosso all'improvviso; 35come un laccio infatti esso si abbatterà sopra tutti coloro che abitano sulla faccia di tutta la terra. 36Vegliate in ogni momento pregando, perché abbiate la forza di sfuggire a tutto ciò che sta per accadere e di comparire davanti al Figlio dell'uomo». (Lc 21, 25-28.34-36)

Oggi inizia l’Avvento, periodo di attesa, in vista di un compimento.

Quattro settimane per rendere il cuore capace di far emergere dal sé autentico, la Presenza che desidera impregnarlo e così, trasformarlo.

Gesù, nel Vangelo di oggi, afferma: «State attenti a voi stessi, che i vostri cuori non si appesantiscano …» (v. 34).

Un cuore appesantito, ossia ingombro d’altro, non può far emergere l’Altro.

Il contrario di ‘appesantito’ non è ‘leggero’, bensì ‘puro’, ma non inteso in senso moralistico, ossia privo di peccato. ‘Cuore puro’ è assenza di ossessioni, turbamenti, inquietudini, e quindi liberazione da brame e istinti. È uno ‘stato di quiete’, sorto dall’essersi lasciati dietro le spalle ogni cosa per essere liberi e aperti all’accadere di un dono.

È interessante che Gesù faccia riferimento in particolare a tre possibili malattie del cuore: la dissipazione, l’ubriachezza e l‘affanno (v. 34).

Dissipare significa disperdere, svanire, rendere inconsistente. C’è il rischio di vivere come fumo, nebbia, in maniera inconsistente appunto, e al primo bagliore del sole costatare che di tutto ciò che abbiamo pensato si stesse costruendo non è rimasto nulla.

Vivere da ubriachi significa consumare i giorni nell’inconsapevolezza, lasciar accadere le cose senza viverle veramente, magari anche in preda all’euforia, o in una tristezza mortale, ma comunque mai ‘in sé’, mai da protagonisti, come coloro che hanno delegato ad altri il proprio mestiere di vivere.

Vivere in maniera affannata poi, è come correre a perdifiato, in continua agitazione, sempre alla ricerca di qualcosa, di una meta, ma che – come in un incubo – destinata a rimanere sempre aldilà, disperatamente irraggiungibile.

  Il periodo di Avvento, è invito a fermarsi, o almeno a rallentare, perché in una vita dove tutto è fast, non ci si può accorgere di ciò che passa e vive accanto: le cose veramente importanti sono molto lente nel loro divenire, come la crescita di un filo d’erba o d’un bimbo.

Tempo privilegiato per farsi raggiungere; lo dice la parola stessa: avvento, qualcosa che viene incontro, che visita, che accade e ciò che chiede è solo creazione di spazio capace di accogliere, perciò di svuotarsi.

Un tempo di purificazione, da tutto ciò che ingombra il nostro cuore: immagini, pensieri, parole, giudizi e pregiudizi. Soprattutto per quando riguarda il mondo religioso e di Dio.

Tempo per purificare tutte le nostre immagini fallaci di Dio e del divino. Un Dio, sempre oltre quello che possiamo immaginare e pensare, il quale potrà visitarci a patto che resettiamo in ogni istante, i nostri pre-concetti su di lui e sul suo modo di agire su di noi.

«Dio è una negazione della negazione», diceva Meister Eckhart.

Non si partecipa a Dio come altro da sé: Dio va negato come oggetto altro da noi, perché possa divenire puro Spirito in noi: «È bene per voi che io me ne vada, perché, se non me ne vado, non verrà a voi il Paràclito» (cfr. Gv 16, 7).